ultimora
Public Policy

La confusione di Letta

Cattiva Costituzione

Il Premier ne parla come "la più bella del mondo", ma poi definisce folle il bicameralismo perfetto

di Davide Giacalone - 15 settembre 2013

Difficile azzeccare un filotto di concetti sbagliati, ma non solo Enrico Letta c’è riuscito, alla festa di Scelta Civica, è andato oltre, facendo sembrare un gioiello di univocità i “ma anche” di Valter Veltroni. (E la smettano di chiamarle “feste”, scimmiottando i comunisti di un tempo, tanto più che son meste assai). Riproduco l’affermazione del presidente del Consiglio, in modo da sezionarla e mostrarne l’instabilità culturale e la vacuità politica: “La Costituzione italiana è la più bella del mondo, ma solo nella prima parte. Perché nella seconda, quando prevede due Camere che hanno esattamente le stesse funzioni, e per di più con una legge elettorale che prevede due maggioranze diverse non è logica: il bicameralismo perfetto è una follia”.

1. Finché si resta nel campo delle battute e della propaganda e vabbe’, si può arronzare grossolanamente, ma se si parla seriamente sarebbe meglio evitare queste sciocchezze cosmiche. Prive di quale che sia fondamento storico o giuridico. La Costituzione italiana ebbe grandissimi pregi, ma che sia “la più bella del mondo” lo si può sostenere solo ignorando il mondo. Nella sua prima parte, inoltre, è radicata la ragione culturale, storica e politica che fa fiorire la seconda, sicché detestare la pianta e inneggiare alle sue radici può essere fatto solo da chi non ha capito l’indissolubile nesso.

Nella prima parte la libertà individuale (che comprende quella associativa e d’impresa) è subordinata al bene collettivo. Mancando una definizione accettabile del secondo ne deriva solo una limitazione della libertà in ragione d’interessi sovraordinati. E questo è un gravissimo errore, è il nodo profondo che rende brutta la Carta, perché la libertà è il bene collettivo più prezioso. A volere l’iscrizione di questi principi furono le correnti del cattolicesimo sociale e del comunismo, nella lucida consapevolezza che le vincolava a condividere le scelte politiche e di politica economica, subordinando la società e i cittadini a quella loro intesa. E, del resto, due erano i paesi europei usciti massacrati dalla seconda guerra mondiale: la Germania finì divisa, l’Italia a sovranità limitata. Supporre che quel vincolo vada non solo mantenuto, ma osannato significa zavorrarsi con la parte peggiore del secolo scorso.

2. Per dare sostanza a quel principio occorreva una formulazione istituzionale coerente. Tale era il bicameralismo della perpetua doppia lettura legislativa e della doppia fiducia governativa, ovvero il modo di affermare la centralità del Parlamento e la necessaria, voluta, conseguente debolezza del governo. Il sistema elettorale proporzionale era consustanziale a questo schema. Pensare di romperlo solo in parte è un gravissimo errore, già commesso da quanti hanno pensato bastasse cambiare la legge elettorale. Ergo: dire che la prima parte è bellissima e il bicameralismo folle è dimostrazione di cognizioni claudicanti e consapevolezza sussultoria.

3. I Costituenti non immaginarono le due Camere con maggioranze diverse. Oltre tutto è stato lungamente vero il contrario. Il fatto è che, nel testo del 1948, non erano affatto uguali, e fra le cose diverse c’erano sia gli elettori attivi che quelli passivi, oltre ai collegi di riferimento, al modo di contabilizzare i voti e alla durata delle legislature. Sono stati i teorici della “Costituzione più bella del mondo” a scassare progressivamente il tutto. Ed è stato il partito di Letta, coadiuvato dal presidente Ciampi, a volere due sistemi elettorali diversi nella loro natura, quindi a portare a maggioranze diverse. Quando ha di queste critiche da fare, Letta, si procuri uno specchio.

Il filotto ha una sua ragione: dire di volere riformare la Costituzione (cosa più che giusta), ma negare di volerla cambiare. Chi si crede furbo ammira l’arzigogolo affabulatorio, ciascuno leggendoci quello che gli pare. Chi ha una mente piatta e banale, come l’autore di queste righe, legge le cose per quello che sono e ne deduce che da una tale insalata variopinta e contraddittoria ci si possono aspettare molte cose. Nessuna delle quali desta serena predisposizione al festeggiamento. Una sola avvertenza: i ministri che appoggiano questa roba e i parlamentari che la voteranno (ammesso che si giunga al voto) cerchino di far passare più di un anno prima di comunicarci che si tratta di roba immonda e riprovevole. Parlare e votare senza capire avvelena tutti. Ditegli di smettere.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario