ultimora
Public Policy

Un tira e molla inutile e imbarazzante

Casa: il piano spianato

In tempi di crisi, quando s’invocano misure internazionali, noi contrattiamo con gli enti locali

di Davide Giacalone - 26 marzo 2009

Il tira e molla del piano casa sta diventando imbarazzante. Lasciamo perdere quelli come me, che sono fessi perché commentano quel che ancora non c’è e poi devono prendere atto che non ci sarà mai, ma se l’idea intendeva favorire un forte impulso anticiclico, portando le famiglie italiane a mettere mano al portafoglio per far crescere il valore e la comodità della propria casa, una volta che la si mette sul binario della concertazione con le regioni e della legislazione ordinaria, è come dire: abbiamo scherzato.

Qui vedemmo subito che non sarebbe bastato sveltire le pratiche burocratiche, perché sarebbe sorta la conflittualità condominiale, a sua volta infilata nel vicolo cieco della giustizia in letargo. Il rimedio, però, non può essere nel parlare solo di ville, purché isolate e senza vicini, giacché in quelle facevano già quel che gli pareva. Perché credete che sia fiorente il mercato dei parcheggi e dei box attrezzi prefabbricati? Perché così si mascherano nuovi volumi. E, del resto, a Palazzo Chigi non lo sapevano che, nel 2001, la sinistra varò la riforma costituzionale del titolo quinto? Con quella robaccia si è praticamente ucciso l’interesse nazionale, non più presente neanche in settori come l’energia, che ne dovrebbero avere uno continentale. Non è una novità, però.

Il nocciolo del provvedimento non stava nel consentire lo spostamento del bagno o la trasformazione del balcone in veranda, bensì nel chiamare capitali gelosamente protetti ad oliare le ruote del mercato, in un momento in cui chi può rimanda investimenti ed acquisti. Se non solo si procede alla velocità dei bradipi, ma per giunta a zig zag, quando non all’indietro, di tutto questo resterà solo l’accusa di volere cementificare coste e parchi, che sarebbe emersa nella sua assurdità solo a patto che il resto si fosse fatto, mentre, nel vuoto, ogni sparata è lecita.

Infine, quella sciagurata riforma costituzionale portava il segno propagandistico del federalismo. Il centro destra rimediò, ma poi lasciò il lavoro al destino referendario. Così si è ridotto in macerie lo Stato nazionale, senza far sorgere autonomia e responsabilità locali. In tempi di crisi, quando s’invocano misure internazionali, noi contrattiamo con le regioni, le province ed i comuni. Il moto immobile dell’inutilità.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario