ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Caro Bersani se ci sei, batti un colpo

Lettera aperta al segretario del Pd

Caro Bersani se ci sei, batti un colpo

Tre domande per costruire una proposta forte e articolata: province, sanità e previdenza

di Enrico Cisnetto - 11 dicembre 2009

Caro Bersani, ho sinceramente apprezzato il fatto che Tu abbia disertato la manifestazione “viola”, con ciò dimostrando che non hai intenzione di connotare il Tuo Pd all’insegna del più becero giustizialismo e del più stupido anti-berlusconismo. E capisco pure che i distinguo con Di Pietro e soci non siano stati così netti come personalmente li avrei preferiti: mi è bastato vedere come è stato trattato Enrico Letta per aver detto che Berlusconi ha diritto di difendersi non solo “nel” ma anche “dal” processo, per capire quale problema di consenso Tu abbia se intendi, come spero, traghettare la cultura prevalente della sinistra dall’arido terreno del “contro” a quello fertile ma finora non coltivato del “per”. Ma con la stessa schiettezza, debbo dirTi che capisco molto meno la lentezza e la prudenza con cui la nuova segreteria si è mossa fin qui sulle questione economiche. E in particolare sulla Finanziaria.

Certo, è nota la tendenza ad espropriare il Parlamento da parte dei governi della Seconda Repubblica, e stando alle parole del presidente della Camera l’attuale esecutivo non fa eccezione, anzi. Ma a parte il fatto che anche quelli di centro-sinistra di cui Tu hai fatto parte non erano da meno, Ti pare possibile caratterizzare la linea dell’opposizione solo attraverso questa lamentela? La verità è che, come è accaduto fin dal primo giorno della legislatura, il dibattito – ma sarebbe meglio definirlo scontro – è stato tutto per linee interne al governo e alla maggioranza, e questo non solo per le loro oggettive divisioni ma anche per la vostra scarsa capacità di iniziativa politica.

Diciamoci la verità, caro Bersani: se anche il governo non avesse reso vano il lavoro della Commissione Bilancio della Camera e la discussione al Senato, che ora si vedrà recapitare un testo della Finanziaria completamente diverso da quello che ha votato, quale contributo avrebbe dato il Pd per rendere la manovra economica meno “scatola vuota” e più strumento per rendere compatibile lo sviluppo con la salvaguardia dei conti pubblici? E sì, perché il vero tema non è quello di riempire la scatola della Finanziaria con un bel po’ di provvedimenti di spesa, magari spesa corrente improduttiva ma capace di generare consenso, bensì quello di trovare le risorse necessarie a costruire la ripresa – che da sola non arriva, purtroppo – senza praticare il solito sport del deficit spending. E qui non è che sarebbe difficile muoversi: tra Tremonti che sostiene la linea minimalista e i suoi colleghi (Berlusconi compreso) che vorrebbero aprire il portafoglio, c’è una prateria davanti a voi.

Il ministro dell’Economia, infatti, ha ragione quando sostiene che non si può fare altro deficit e altro debito – anche perché la già terribile condizione della finanza pubblica è aggravata dalla caduta del pil (tra 2008 e quest’anno alla fine saranno sei punti in meno) – ma ha torto nel volerne concludere che l’unica cosa da fare è non fare. Viceversa, hanno ragione coloro che vorrebbero aiutare il Paese ad agganciare la ripresa mondiale, ma torto quando ipotizzano che la copertura di spesa possa venire da generiche quanto improbabili riduzioni degli sprechi.

Perché, allora, il Pd non si fa promotore di una proposta forte e articolata, che da un lato preveda quali voci del bilancio possono essere oggetto di riforme strutturali e dall’altro che dica come le risorse generate dovrebbero essere spese? Per capirci, il Pd è favorevole o meno alla riforma previdenziale attraverso l’innalzamento dell’età pensionabile che Tremonti non vuole – su questo punto è stato tanto chiaro quanto irremovibile – o ancora ragiona in termini “non facciamoci scavalcare a sinistra”? Il Pd intende incalzare il premier sull’abolizione delle Province – magari facendo dimettere in massa i propri presidenti e consiglieri provinciali – e più in generale sulla semplificazione di un quadro istituzionale assolutamente pletorico, o è ancora attardato difendere l’esistente perché in esso un po’ di sua gente, sempre meno per la verità, ha il suo orticello? Si vuole prendere atto del fallimento del trasferimento alle Regioni del sistema sanitario, oppure siccome in molte di quelle dove la sanità è in default c’è la sinistra al comando, allora è meglio tacere?

Caro Bersani, di tutto si può incolpare Berlusconi meno che di avere un’alternativa che nel migliore dei casi è sciapa (Pd) e nel peggiore pericolosa (Idv). E questo spiega perché sia ancora lì – e rischi di rimanerci – nonostante sia politicamente trapassato. Dunque, se ci sei, batti un colpo.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario