ultimora
Public Policy

Il problema non solo gli aumenti

Canone bugiardo e irragionevole

E' una tassa illegittima. La Rai va venduta, basta lottizzazioni

di Davide Giacalone - 21 dicembre 2007

Non contesto l’aumento del canone Rai, contesto la sua esistenza e denuncio le bugie raccontate dal governo e pubblicate da tutti i giornali. Quella tassa va cancellata perché divenuta irragionevole ed illegittima. Il canone fu istituito nel 1938 e, da ultimo, modificato nel 1990. Era un abbonamento, obbligatorio, alla Rai, è poi divenuto una tassa per chi possiede televisori. Da allora ad oggi è cambiato tutto: guardo le trasmissioni televisive sul computer, che non è un televisore e non paga la tassa; le guardo sul telefonino, idem come sopra; le guardo in macchina, sul display del navigatore, sempre senza tassa; ed anche il mio televisore, in realtà, non lo è, perché si tratta di uno schermo che riceve il segnale da un decodificatore che sta da un’altra parte e mostra anche foto e dvd. Non è più un canone d’abbonamento, però i soldi vanno tutti alla Rai. E questo è illegittimo. La stessa Rai lo propaganda, mentre si guarda bene dal fare spot divertenti per indurre a pagare l’Ici. Perché? Semplice: sono soldi loro. Ma non è legittima una tassa che serve solo a finanziare una specifica società per azioni. Non basta: c’è un ufficio Urar, a Torino, che è intestato alla Rai ma usa lo stellone della Repubblica e minaccia i cittadini sostenendo spropositi (tipo che si devono pagare due canoni se moglie e marito risiedono in posti diversi). E questa è estorsione mista a truffa.

Veniamo alle bugie: “il canone Rai –comunica il governo- aumenta di 2 Euro e viene così allineato anche per il 2008 al tasso di inflazione, come previsto dall"art. 47 del Testo Unico sulla televisione”. Falso. Quell’articolo dice che è la Rai a dovere presentare conti dettagliati e specificare quanto serve per la parte servizio pubblico, poi si ragiona, tenendo conto “anche” dell’inflazione. Qui è l’unico parametro. Ma posto che l’anno scorso l’aumento è stato di 4,4 euro, ed ora di 2, si può sapere come cavolo la misurano, l’inflazione? Antiriformisti di destra e di sinistra tengono ancora in piedi l’azienda spartitocratica e lottizzata che con il servizio pubblico non ha alcuna parentela, poi impongono agli italiani di saldare il conto, zitti. Io sono per venderla, giovando alla tasca ed alla morale. La bestia va affamata, non pagata. Oggi tiene al guinzaglio politici piccoli piccoli.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di venerdì 21 dicembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario