ultimora
Public Policy

Il futuro di Telecom

C'è rete e rete

Sbagliato imporre adesso lo scorporo della rete. Il vero investimento strategico è sulla fibra ottica

di Enrico Cisnetto - 29 settembre 2013

C’è rete e rete. Io sono sempre stato convinto dell’assoluta strategicità per il sistema-paese della rete Telecom, tanto che ho bestemmiato quando ai tempi della privatizzazione Ciampi non procedette a scorporarla preventivamente e ho apertamente tifato per il cosiddetto “piano Rovati” quando qualche anno fa ci fu l’estremo tentativo di mantenere in mano pubblica – e quindi italiana – la proprietà dei collegamenti telefonici della rete fissa, con tutto ciò che significa per la sicurezza nazionale la protezione di certe comunicazioni e della trasmissione dei dati.

Non di meno, però, oggi considero un errore l’idea di imporre questo scorporo per il solo motivo che Telefonica ha conquistato – per quattro soldi – il controllo della società che ha la maggioranza relativa di Telecom. Perché? A parte che le norme europee bollerebbero la cosa come un esproprio e la impedirebbero, ma il vero motivo sta nel fatto che il gioco non varrebbe più la candela perché nella rete Telecom, in questi anni privata della necessaria manutenzione e orfana della indispensabile innovazione tecnologica, non merita investire. Si tratta di milioni di linee locali, la somma di tanti “ultimo miglio”, cioè il doppino di rame che va dalla centralina locale alle abitazioni e agli uffici degli utenti.

Roba vecchia, che andrebbe velocemente sostituita con la fibra e i sistemi wi-fi. Chi dovesse comprare oggi la rete Telecom andrebbe incontro ad un doppio investimento: quello per averla e quello per trasformarla. Farlo, tanto più con soldi pubblici, solo perché gli spagnoli comandano (perché, ieri chi aveva il pallino delle decisioni, il trio Mediobamca-Generali-Intesa?) sarebbe come quel marito che per far dispetto alla moglie… Si dirà: ma rendere autonoma la rete rispetto agli operatori, specie dall’ex monopolista, favorirebbe la concorrenza nel mercato delle telecomunicazioni. Vero. Ed è questa una delle ragioni per cui questa separazione andava fatta. Ma ora è possibile, e molto meno dispendioso, realizzare questo obiettivo concorrenziale attraverso l’authority, che può cominciare a intervenire sul costo dell’unbundling, cioè dell’affitto che i concorrenti di Telecom devono pagare per accedere all’ultimo miglio.

Perché normare le condizioni tariffarie può consentire di realizzare nella telefonia fissa la stessa dinamica concorrenziale che a suo tempo si è determinata, a beneficio di tutti, nella telefonia mobile. Non è un caso, infatti, che nel 1997 le licenze assegnate fossero 132, e che ora invece gli operatori si contino sulla dita di una mano, tanto che quasi il 70% del mercato del “fisso” è in mano a Telecom, mentre nel “mobile” la quota dell’ex monopolista è circa della metà.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario