ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Bersani ter: al via la nuova ondata di scioperi

L'Italia delle liberalizzazioni a "effetto nimby"

Bersani ter: al via la nuova ondata di scioperi

Adesso è la volta dei farmacisti. Ma a pagare sono sempre i cittadini

di Enrico Cisnetto - 09 novembre 2007

Eccolo, l’ennesimo sciopero contro le liberalizzazioni. E che “sciopero”. Stavolta saranno i farmacisti a protestare contro la terza “lenzuolata” di Bersani, ma non incroceranno le braccia: dal 19 novembre saranno i cittadini a pagare, nel senso che dovranno mettere mano al portafoglio anche i farmaci in fascia A, quelli convenzionati con il Servizio sanitario nazionale. Tutto ciò per opporsi alla norma – un emendamento passato alla Camera e ora fermo al Senato – che prevede la possibilità di vendere nei supermercati anche i medicinali di fascia C, quelli a pagamento e per i quali è necessaria la ricetta medica. Così, anche in questo come in molti altri casi – per esempio quando a fermarsi sono i trasporti pubblici – il costo materiale di una protesta, legittima fino a quando non lede gli interessi e la libertà altrui, finisce per scaricarsi completamente sull’utente.

Ma ci sono molte lezioni da trarre da questa vicenda. La prima è che somiglia pericolosamente alle altre situazioni in cui ci si è trovati all’epoca delle prime decisioni in materia di liberalizzazioni “diffuse” assunte dal governo su iniziativa del ministro Bersani. I taxi, per esempio: dopo trattative estenuanti e manifestazioni di piazza, a Roma i conducenti hanno “concesso” 1450 licenze in più, ma in cambio pretendono un aumento delle tariffe del 18%. A Milano è andata peggio, visto che la possibilità di far guidare l’auto di servizio anche ad altri ha però avuto come contraltare una crescita dei prezzi del 20%. Insomma, l’esito esattamente contrario a quel taglio dei costi che sarebbe dovuto arrivare in automatico dopo la riforma Bersani. La seconda lezione, invece, è una conferma di quanto purtroppo già sapevamo: il Paese è d’accordo con le liberalizzazioni solo quando riguardano gli altri. Un effetto “nimby” (not in my back yard, non nel mio giardino) che evidentemente non vale soltanto per la Tav o per rigassificatori e inceneritori, ma permea tutte le categorie sociali ogni volta che ne vengono messe in discussione le abitudini consolidate. Così, per assurdo, si trovano tassisti che reclamano più farmacie notturne, e, di contro, farmacisti che si lamentano della mancanza di taxi.

Nella veste di utenti si è favorevoli a smantellare privilegi, a immettere i servizi pubblici nel circuito della concorrenza, da membri di una categoria si fa la guerra all’affamatore del popolo (in questo caso il buon Bersani, che si è preso la briga di cominciare un duro e lungo lavoro di modernizzazione) sfoggiando una “coscienza di classe” degna degli operai marxisti del primo Novecento. Senza capire che la difesa ottusa di vecchie “rendite di posizione”, come quelle di molte professioni, esalta il lato peggiore della cosiddetta “società civile”, sempre pronta a mettere all’indice la “casta” della politica, ma mai capace di una sana autocritica.

Certo, anche nella vicenda liberalizzazioni la politica ha le sue colpe, e pesanti. Per molti, il vantaggio elettorale che la maggioranza dei cittadini potrebbe riconoscere a chi liberalizza è inferiore a quello assicurato da categorie, associazioni, territori cui si concede protezione. Sarà anche un consenso, quello particolaristico, che dura lo spazio di un mattino, ma per la politica miope che non guarda al di là della punta delle proprie scarpe, tanto basta. Se così non fosse, non si capirebbe come mai tra i più strenui oppositori delle riforme di Bersani c’è chi (a parole) si definisce liberale. E non si capirebbe perchè tra maggioranza e opposizione non si sia creato uno spirito unitario su questi temi. Di volta in volta, chiunque vesta i panni dell’oppositore, si accusa il governo di turno di essere imbelle perchè non ha il coraggio di liberare le energie che ci sono nella società, e nello stesso di essere vessatorio perchè si vuole penalizzare questa o quella categoria. Allora, di fronte alla Bersani ter, non sarebbe forse sarebbe il caso che, per una volta, si abbandonasse la logica della contrapposizione politica e dell’ostruzionismo parlamentare a tutti i costi? E’ vero, le lenzuolate di Bersani sono coperte corte, ma sono sempre meglio di niente. Consenso peloso raccolto con la peggiore demagogia: non è così che l’Italia esce dal declino.

Pubblicato su Il Messaggero di venerdì 9 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario