ultimora
Public Policy

Le divergenze tra Bankitalia e Tesoro non servono

Basta con i duelli di palazzo

Occorre una diagnosi condivisa della situazione per rilanciare la crescita economica del Paese

di Enrico Cisnetto - 10 luglio 2008

Alla fine il tanto atteso duello non c’è stato. Gli addetti ai lavori si aspettavano che ieri mattina all’annuale assemblea dell’Abi ci fosse uno scontro all’arma bianca tra il ministro Tremonti e il governatore della Banca d’Italia Draghi. Ma sono rimasti delusi. Certo, un Tremonti sempre ricco di verve non ha rinunciato alle battute (“meglio tassare le banche che gli operai”) né a tirar fuori qualche coniglio dal cappello (dopo la Robin Tax, ora si ispira alla “economia sociale di mercato”), ma il suo non è stato il linguaggio provocatorio con cui nel 2003 duellò, sempre davanti ai banchieri italiani, con Antonio Fazio. Il british Draghi, poi, ci ha messo del suo per stemperare i toni, tanto che non sono mancati i sorrisi tra i due “contendenti”. Tuttavia, dietro l’ineccepibilità delle forme, nella sostanza le divergenze restano, eccome. Draghi, infatti, non ha spostato di una virgola il suo pensiero, in primo luogo sulla Robin Tax. I suoi effetti, ha detto, potrebbero essere spalmati dalle banche “sulle condizioni offerte a depositanti e prenditori di credito, sui profitti distribuiti o sulle risorse accantonate al patrimonio”. Traduzione: a rimetterci saranno o i clienti (milioni) o gli azionisti (centinaia di migliaia).

Niente di nuovo nemmeno sulla “vexata quaestio” dei rincari delle materie prime. Draghi, come Tremonti, non ha minimizzato la pericolosità dell"attuale situazione, ma ha ribadito la sua diagnosi opposta a quella del ministro: gli alti prezzi poggiano su fattori reali – eccesso della domanda sull’offerta – ai quali le banche centrali stanno reagendo con una stretta creditizia, evitando gli errori fatti durante lo choc petrolifero degli anni "70. Mai una volta, nel suo intervento, Draghi ha citato la parola “speculazione”, il tormentone su cui Tremonti ha puntato tutto nelle ultime settimane, fino a presentare all’Ecofin di Bruxelles un progetto europeo. Dove peraltro “la reazione dei tecnocrati è stata fredda". Insomma, l’intemerata tremontiana sugli articoli 81 e 82 del Trattato di Maastricht (che vietano gli accordi di cartello, le intese e gli abusi di posizione dominante) è stata accolta un po’ freddamente. “Bella idea”, ha detto Almunia, salvo poi ribadire che il problema del petrolio sta semmai nello squilibrio tra domanda e offerta.

Insomma, sotto i sorrisi d’ordinanza nulla accomuna Via Venti Settembre e Palazzo Koch. Nemmeno sul ruolo della vigilanza bancaria. Anche ieri Draghi ha invitato infatti le banche ad applicare le norme sulla portabilità dei mutui e le ha sollecitate sulla questione delle commissioni di massimo scoperto. Tremonti, invece, continua a considerarla “cosa sua”, fino ad arrivare a proporre un “poliziotto dello sportello”, come quello di quartiere, per tutelare i correntisti. Dunque niente duello, ma profonde divergenze sulle diagnosi e soprattutto sulle cure tra i due contendenti. Detto ciò, e chiuso – speriamo per sempre – l’argomento delle divergenze tra Governatore e Ministro, sarebbe il caso di pensare a cose più serie. Ciò che serve – disperatamente – è infatti una diagnosi condivisa della situazione, per poi arrivare a una “road map” sul problema fondamentale, ovvero come rilanciare la crescita economica del Paese. La situazione, infatti, è drammatica: la spesa degli italiani addirittura negativa in termini reali (prima volta dal 2002), l’inflazione alle stelle, salari e stipendi che non reggono alla prova del potere d’acquisto e che finiscono in coda a qualunque classifica. Sono le caratteristiche di un quadro desolante, e stavolta veramente emergenziale, che non trova adeguata risposta nella maxi manovra triennale presentata dallo stesso Tremonti. Una manovra che non taglia abbastanza le spese, non abbassa le tasse, e soprattutto non prevede meccanismi di stimolo alla crescita. Di fronte a questo quadro, le scaramucce, vere o presunte, tra Bankitalia e Tesoro andrebbero messe velocemente da parte, per passare ad atti concreti. Basta con il gossip, insomma, e torniamo alla realtà. Che non è né bella né facile

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario