ultimora
Public Policy

Referendum elettorale: “la ballata dei pirla”

Bailamme all’italiana

Dalla padella del porcellum nella brace del superporcellum

di Massimo Teodori - 03 giugno 2009

Quando leggerai Prima la “ballata dei pirla” intorno al referendum sulla legge elettorale sarà al culmine. Se il 21 giugno il voto referendario dovesse ottenere il quorum del 50% dei votanti con la vittoria dei “Sì”, cadremmo dalla padella del nobile porcellum nella brace di un nobilissimo superporcellum. Se, invece, il quorum non venisse raggiunto perché gli italiani andranno al mare, allora avremmo sprecato parole, parole, parole, senza alcun costrutto.

Perché ballata dei pirla? Perché nessuno la racconta giusta e tutti tentano di fregare il prossimo. Cominciamo dai promotori, Giovanni Guzzetta e Mario Segni. Il primo, con lo zelo del neofita, e il secondo, con l’ostinazione del routinier, si sbracciano per convincere che il referendum dà più potere ai cittadini.

Una autentica mistificazione: se oggi il Parlamento è nominato da una decina di capipartito che per la propria lista scelgono, nel migliore di casi, gli amici politici e, nel peggiore, parenti, clienti e veline, con il “Sì” referendario il capo dell’unico partito vincente, leggi Berlusconi, nominerebbe la maggioranza assoluta della Camera, ovvero 346 deputati su 630 (il 55%), acquisendo legittimamente il potere di fare il bello e il cattivo tempo senza alcun controllo.

Sul lato opposto la figura del principe dei pirla spetta a Dario Franceschini. Con l’aria del boy scout, faccia pulita ed eloquio fluente, ha ripetuto all’infinito che il referendum doveva tenersi lo stesso giorno delle europee per raggiungere il quorum, e che lui, comunque, voterà “Sì. Si è trattato di furbizia con il retropensiero che tanto i suoi auspici non si sarebbero avverati, ovvero una manifestazione di pura scempiaggine per non avere saputo calcolare gli effetti disastrosi della sua decisione?

La risposta la danno i suoi stessi compagni che hanno cercato in fretta di mettere una pezza. Nel Partito democratico regna il caos con ognuno che va per conto suo. Massimo D’Alema non ci sta sul referendum e così pure Francesco Rutelli, per cui il Guzzetta attacca: “Rutelli, e soprattutto D’Alema. E’ lui che incarna al massimo livello la sindrome dei perdenti”.

Replica il senatore Vannino Chiti: “Vogliamo togliere il Pd dai guai in cui si è messo decidendo di stare accanto ai referendari”; e si mobilita per l’astensione Stefano Passigli, ex-Ds ora Italia dei Valori, che raccoglie i pezzi da novanta della gauche caviar, da Umberto Eco a Inge Feltrinelli, da Claudio Abbado a Maurizio Pollini…

Chi poteva guidare il fronte dei furbastri se non Silvio Berlusconi? Zitto, zitto, da sornione che pensa al suo interesse, ha lasciato libero il campo alle fasulle prese di posizione dei pirla referendari compreso il boy scout Franceschini, per uscire infine allo scoperto dichiarando che lui, al referendum, avrebbe votato “Sì”. E come poteva essere altrimenti?

E’ successo come al tennis quando l’avversario ti alza la palla per una bellissima schiacciata di cui subito tu approfitti. Vedremo come andrà a finire. Sono però sicuro che fino alle europee del 7 giugno il Cavaliere starà zitto sull’argomento, e poi, nelle ultime settimane, farà un’accanita campagna per mandare tutti i suoi a votare ”Sì”, e quindi fregare in un colpo solo Guzzetta, Segni, Franceschini e i suoi alleati della Lega che non a caso hanno fatto fiamme e fuoco.

L’altro principe dei furbastri non poteva che essere Tonino Di Pietro. Sapendo benissimo che se il referendum producesse risultati positivi, svanirebbe il suo sogno populista di divenire l’alter ego del Partito Democratico, ma volendo lo stesso dar sfogo alla sua demagogia, dapprima si è sbracciato per spiegare che il referendum è un’arma formidabile per dare la parola ai cittadini, e poi ha dato l’ordine di buttarlo a mare astenendosi.
In tanto bailamme – ahinoi! – una parola di buon senso “democratico” è venuta solo da Umberto Bossi. Per cui, oggi, sono costretto a gridare “Viva il Senatur”.

Pubblicato da “PRIMA comunicazione” maggio 2009

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario