ultimora
Public Policy

I giovani hanno il dovere di ribellarsi

Attenti ai falsi miti

Bisogna concorrere a creare un mondo meritocratico, premiando capacità e volontà

di Davide Giacalone - 16 settembre 2008

Ho sognato che i giovani, diversi e migliori dei loro padri. Per questo ho pensato che il loro ritorno a scuola potrebbe coincidere con il nascere di un agguerrito movimento di protesta, che li mobiliti contro un’istruzione pubblica incapace di offrire loro le condizioni per eccellere e contro un mercato del lavoro che, per proteggere lavori e lavoratori fuori mercato, li destina alla marginalità ed alla lentezza esasperante del progredire. Siamo privi di mobilità sociale, non classisti, ma con ceti pietrificati. Ci sono professioni ereditarie, come nel corporativismo medioevale, mentre il merito e la preparazione, quando ci sono, contano poco e niente. Il meridione scivola verso il sottosviluppo culturale, ma pare sia caritatevole non trattenerlo. I giovani ne ricaveranno povertà, non solo economica.

Siamo un Paese in cui molti aspettano la fine. La fine dell’età lavorativa, per accedere ad una pensione che i giovani non avranno mai. La fine d’aziende bollite, il cui peso economico e sindacale sia tale da destare l’attenzione della politica e dei media, talché possano esserci i tempi supplementari e s’allunghi la vita apparente. La fine di protezionismi che ci servono a tutelare ex monopolisti di Stato, nel frattempo cercando di sistemare le proprie cose e fuggire al crollo con l’ultima scialuppa. E c’è tutto un mondo economico che sulle fasi terminali conta di far gli ultimi profitti, che, se la cosa non avesse un risvolto penale, potrebbero anche chiamarsi rapine. Ma loro, i giovani, non possono accettare che il futuro sia cancellato. La loro attesa sarà troppo lunga, e quando s’affacceranno al tavolo del banchetto ci saranno solo scarti.

Per questo li penso in piazza, arrabbiati, ad urlare: tenetevi il vostro egualitarismo della miseria, tenetevi i vostri pezzi di carta senza cultura, toglietevi di mezzo, profittatori dell’immobilismo e lucratori della stagnazione, noi vogliamo rivoltare le vostre acque, creare un mondo meritocratico che di voi faccia gli ultimi, avere il dinamismo che ci prometta ricchezza in cambio di capacità e volontà, levatevi dal groppone perché a noi tocca correre nel mondo. Ho sognato il loro diritto alla ribellione. Se, invece, protestano per il sette in condotta, vuol dire che dai padri hanno preso il peggio. E non era facile.

Pubblicato su Libero di martedì 16 settembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario