ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Assicurazioni care a causa degli utenti

L’Isvap ormai è al suicidio della credibilità

Assicurazioni care a causa degli utenti

Tariffe troppo alte?Non basta fermare i rinnovi automatici. Autorità ormai poco credibili

di Davide Giacalone - 02 luglio 2007

Ecco un’altra autorità candidata al suicidio della credibilità: l’Isvap, che regola e controlla il mercato delle assicurazioni. Il neoconfermato presidente, Giancarlo Giannini, s’è perso anche lui nell’azzurro mare estivo alzando la voce contro le tariffe assicurative Rc auto, a suo dire inaccettabili perché troppo care, e fin qui siamo d’accordo. Ce ne eravamo accorti. Anzi, c’eravamo spinti a leggere i dati sugli incidenti in diminuzione e notare la mancanza di un’analoga diminuzione di quel che ci fanno pagare. Solo che, ingenui, pensavamo fosse l’Isvap a dover provvedere e non immaginavamo che pure Giannini fosse fra i lamentosi impotenti.

Lui una soluzione dice d’averla: basta con i rinnovi automatici. Ma mica passa all’azione, per ora si limita a dirlo. Poi aggiunge che servirebbe a “smuovere l’immobilismo degli utenti”. Capito? Invece di vigilare sulle compagnie assicurative intende rieducarci all’attivismo, come se la colpa fosse mia che pago piuttosto che leggere le paginate corpo quattro dei contratti (che l’Isvap consente di far circolare). Ma lo sa che quella roba è illeggibile ed incomprensibile? Sì, anche perché prima era lui a scriverla. Comunque si complimenta con il decreto Bersani che ha introdotto il “preventivatore”. Che roba è? Un sito internet dove inserisci i tuoi dati e quelli ti mostrano le varie offerte. Capirai la trovata, e qualcuno gli spieghi che i suoi colleghi dell’autorità per le comunicazioni ancora consentono alla Telecom di lasciare gran parte dell’Italia senza larga banda, quindi con scandalose lentezze nei collegamenti internet. Ma assodato che sarebbe una buona cosa, posso usarlo, questo “preventivatore”? No, perché, dice il garante, “stiamo lanciando la gara europea per realizzarlo”. Quindi le tariffe aumentano anziché diminuire, i contratti non si capiscono, le offerte non si confrontano, il garante resta al suo posto, il coso per i preventivi lo mettiamo a gara e lui rilascia interviste facendosi fotografare in pose improbabili.

Le autorità di garanzia stanno diventando barzellette che non fanno ridere, luoghi ove si coltiva l’esibizionismo inconsistenze di bigi presunti esperti miracolati dalla politica, strutture costose e tendenzialmente provocatorie. Autorità senza autorevolezza, talora anche prive di senso dell’orrore.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di lunedì 2 luglio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario