ultimora
Public Policy

Un esempio virtuoso

Ah, se tutta la PA fosse Inps

Se tutta la pubblica amministrazione fosse come l'ente guidato da Antonio Mastrapasqua, l’Italia spenderebbe molto meno e sarebbe ben più efficiente.

di Enrico Cisnetto - 19 luglio 2013

La “nuova Inps”, ente unico della previdenza obbligatoria dopo l’incorporazione di Enpals e Inpdap, gestisce un bilancio di quasi 400 miliardi e flussi finanziari per 763 miliardi, un volume secondo solo a quello dello Stato. Ha come “clienti” 16 milioni di pensionati e 24 milioni di lavoratori, per i quali gestisce ogni anno 35 milioni di domande di prestazioni, erogando entro un mese sia la pensione (90% dei casi) che i sussidi di disoccupazione (96%). Ogni giorno interloquisce con un milione di cittadini, tra visite agli uffici (100 mila), telefonate ai contact center (100 mila) e contatti sul sito (800 mila). È coinvolto in 600 mila procedimenti, vincendone il 60% (nel 2009 le cause erano oltre 1 milione e la percentuale di vittoria del 40%). Ha contribuito a scoprire 100 mila lavoratori in nero (pari a 7 miliardi di contributi evasi) ed altrettanti falsi invalidi. E tutto questo con 32 mila dipendenti. Per svolgere un’analoga attività, in Francia sono occupate più del triplo di persone, in Germania quasi il doppio.

Ergo, se tutta la pubblica amministrazione fosse come l’Inps guidata (da quattro anni) da Antonio Mastrapasqua, l’Italia spenderebbe molto meno e sarebbe ben più efficiente. Peccato, però, come ha denunciato senza peli sulla lingua lo stesso presidente dell’Inps, che invece della tanto sbandierata spending review, si sia continuato con l’odiosa pratica dei tagli lineari. Con il risultato che la spesa complessiva non è affatto diminuita, e che hanno finito col subire tagli (l’Inps nella misura del 50% della sua spese corrente) anche laddove non era necessario e opportuno, fino al punto di mettere a rischio la qualità del servizio erogato.

Per fortuna l’Inps – che Mastrapasqua in questi anni ha trasformato in un gioiellino da quel vecchio carrozzone pubblico che era – è riuscito ad evitare di ridurre le prestazioni. E se il bilancio 2012, dopo anni di attivi (25 miliardi in 4 anni), è in rosso per 9 miliardi – disavanzo contabile che non mina la stabilità finanziaria del sistema – ciò è dovuto esclusivamente al buco della gestione dei lavoratori pubblici. Ah, se tutta la PA fosse Inps.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario