ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Acqua, tra business e sete nel mondo (1)

In Messico il IV Forum della Banca mondiale

Acqua, tra business e sete nel mondo

Tra privatizzazione del settore e accesso all’acqua come diritto umano irrinunciabile

di Paolo Bozzacchi - 17 marzo 2006

Annega nei paradossi il problema mondiale dell’acqua. Oltre un miliardo di persone non ha accesso al bene più irrinunciabile, mentre le scorte in 50 anni, sono più che dimezzate, e continuano a diminuire. Se le riserve mondiali per abitante erano di 16.800 metri cubi nel 1950, nel 2000 erano scese a 7300 e nel 2025 si assesteranno a 4800. Da una parte è bella e finita la favola dell’acqua come risorsa infinita, dall’altra viaggia a gonfie vele quella del business nel settore, tanto che quest’ultimo ha raggiunto quota 40% di quello petrolifero. Su questi temi oltre 10mila esperti si confrontano in Messico in questi giorni, in occasione del IV Forum mondiale dell’acqua, organizzato ogni tre anni dall’ente privato Consiglio mondiale dell’acqua, creato dalla Banca mondiale. Obiettivo principale del Consiglio offrire assistenza e consulenza ai governi che affrontano il problema dell’accesso all’acqua potabile.

Fin qui tutti d’accordo. Un po’ meno sulle politiche che consentirebbero di bere al miliardo di persone tuttora sofferente per sete. Molte delle imprese che si occupano di servizi idrici (Enron e Bi water fra queste), sono riunite in corporazioni presenti in numero massiccio al Forum messicano, e optano per la soluzione del dramma attraverso la privatizzazione completa del settore, che permetterebbe alla mano invisibile che regola il mercato una migliore distribuzione del prodotto-acqua. Soluzione ostacolata fortemente dalle principali Ong e dall’Unione europea (attraverso una Risoluzione del Parlamento), che considerano prioritario il riconoscimento ufficiale da parte del Consiglio dell’accesso all’acqua come diritto umano irrinunciabile, e che vorrebbero esplicitate tutte le tappe che nel 2015 garantirebbero l’accesso all’acqua alle popolazioni più povere.

Il dibattito si era trasformato in scontro già nel 2000, durante la seconda edizione del Forum in Bolivia, durante la quale persero la vita 7 manifestanti che protestavano contro l’aumento incondizionato delle tariffe applicate all’acqua potabile locale da colossi stranieri. Anche in Messico si segnalano duri scontri tra le forze dell’ordine e i manifestanti locali. La distanza tra le posizioni delle multinazionali e degli Stati Uniti e dell’alleanza Ue-Ong per ora non sembra colmabile. Intanto il livello dell’acqua continua a scendere. Fino a quando i razionamenti non toccheranno direttamente anche l’occidente avanzato. Allora sì che ci si muoverà davvero.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario