ultimora
Public Policy

Tra 10 anni Pechino aggancerà Washington

2015, l’anno del sorpasso

Nel 2035 quasi la metà della ricchezza mondiale sarà prodotta da Cina e India

di Andrea Marini - 13 giugno 2005

Due saranno le date storiche: il 2015 e il 2035. Tra dieci anni, infatti, la Cina avrà raggiunto gli Stati Uniti per dimensioni dell’economia, mentre tra trent’anni, Pechino avrà addirittura doppiato Washington. In quest’ultimo arco di tempo, l’India vedrà triplicata la propria quota del Pil mondiale, a differenza dell’Europa occidentale e del Giappone che assumeranno una posizione sempre più marginale. E’ quanto emerge dai dati elaborati dall’Indian council for research on international economic relation.

Partiamo dalla situazione attuale. Con un 21,30%, gli Stati Uniti sono il Paese che contribuisce in maniera più significativa alla formazione della ricchezza globale; la Cina per il momento si trova al secondo posto con una quota di poco superiore alla metà di quella americana (12,10%), tallonata con l’11% dal gruppo Germania-Francia-Italia, le tre economie principali dell’area dell’euro. Seguono il Giappone (7,10%) e l’India (5,80%).

Se gli attuali trend di crescita verranno confermati, questa fotografia dell’economia mondiale verrà stravolta tra soli dieci anni. Nel 2015, infatti, Pechino avrà raggiunto Washington in cima alla classifica, con una fetta della ricchezza mondiale del valore del 19,50% per i due Paesi. L’India avrà sorpassato il Giappone (l’8,20% contro il 6,20%), tallonando da vicino il nocciolo duro dell’area euro (Germania-Francia-Italia), sceso all’8,7 per cento.

L’altro anno di svolta sarà il 2035. Tra trent’anni la Cina e l’India produrranno insieme quasi la metà della ricchezza mondiale (l’una con una quota del 30% e l’altra del 14,3%). Pechino, in particolare, avrà doppiato gli Stati Uniti, scesi al 16 per cento. Sempre più ridotte ai margini saranno le economie dell’area dell’euro (con il gruppo Germania-Francia-Italia a un misero 6,3%) e il Giappone, sceso al 4,8 per cento.

Queste previsioni mettono paura e lasciano riflettere, ma di certo non sono un fulmine a cielo sereno. In particolare per quanto riguarda la Cina, la media del tasso di crescita della ricchezza nel Paese dal 1980 al 2003 è stata dell’8,2, una cifra record a livello mondiale che distanzia di quasi tre punti percentuali il secondo Paese classificato (la Corea del Sud, al 5,6%). In questa graduatoria, tra le prime dodici nazioni l’Europa è presente solo con Irlanda (4,5%) e Lussemburgo (3,7%); assenti sia gli Stati Uniti, sia il Giappone.

Sono più di venti anni, quindi, che il gigante asiatico cresce a tassi vertiginosi. E’ vero che il Paese partiva da un livello molto basso, ma che il suo sviluppo sia passato inosservato è tutta colpa della miopia di Stati Uniti, Europa e Giappone.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario