ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Rubriche » 
  • IMHO

L'impronta dell'uomo

L’opinione pubblica percepisce il flusso migratorio come una guerra difensiva

di Giorgio Cavagnaro - 25 agosto 2016

Così parlò Zarathustra

Crisi economica, venti di guerra e immigrazione obbligano l'Italia ad un nuovo assetto

di Giorgio Cavagnaro - 12 marzo 2016

Giorgia on my mind

Uno scivolone o un modo per attirare l'attenzione?

di Giorgio Cavangaro - 02 febbraio 2016

Dio Esiste!

Tra cinepanettoni e sbanca-botteghini una pellicola di nicchia da non perdere

di Giorgio Cavagnaro - 21 dicembre 2015

Carne da macello

Dei danni e delle sterili polemiche che genera l'idolatrante amore per gli animali

di Giorgio Cavagnaro - 27 novembre 2015

Europa unita, unica via

La battaglia contro il terrorismo deve far fare il salto di qualità all’Europa politica

di Giorgio Cavagnaro - 17 novembre 2015

L'Italia conformista

L'odio social-mediatico anti Muccino sa branco conformista. Pasolini lo avrebbe criticato

di Giorgio Cavagnaro - 04 novembre 2015

D'Alema a sindaco di Roma

L'idea di Giorgio Cavagnaro per il Campidoglio

di Giorgio Cavagnaro - 17 ottobre 2015

Oltre Marino

La questione romana sta esplodendo in tutta la sua micidiale potenzialità distruttiva.

di Giorgio Cavagnaro - 08 ottobre 2015

Country Road

Il caso Volkswagen è devastante come una bomba atomica. Chissà cosa ne pensa la nostra Miss Italia, a proposito. 

di Giorgio Cavagnaro - 23 settembre 2015


« 1 2 3 »

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario